I cookie utilizzati ci aiutano a fornire i nostri servizi. Visitando il nostro sito web ne accetti l'utilizzo.

biomassDaysAIELprogettofuoco2016

è gradita la preiscrizione

iscriviti subito

BIOMASSPLUS: il nuovo sistema di certificazione
per cippato, legna da ardere e bricchette

Workshop organizzato da AIEL, in collaborazione con ENAMA e Laboratorio Analisi BioCombustibili
venerdì 26 febbraio 2016, dalle ore 14.30 alle ore 16.30
Pad. 11, area workshop stand AIEL
Ingresso libero

 biomasspluss

PResentazione

biomassplussStando alle Direttive comunitarie, poi recepite dai vari Paesi membri, nell’imminente futuro ci si aspetta una significativa restrizione dei livelli di emissione consentiti per l’utilizzo di apparecchi domestici e caldaie a biomasse. Diventa quindi fondamentale, specie nel segmento domestico e civile, garantire al mercato biocombustibili di qualità elevata e facilmente riconoscibile. La sostenibilità ambientale della filiera di produzione dei biocombustibili rinnovabili è strategica nel confronto con i consumatori e le istituzioni, sempre più attenti a questa necessità. La sfida per il settore è la rapida implementazione sul mercato della certificazione anche come elemento di maggiore competitività delle imprese italiane e come stimolo alla sostenibile mobilizzazione delle risorse legnose nazionali.
La certificazione permette di garantire la continuità della qualità del prodotto e la sostenibilità del processo produttivo, aiutando la crescita e il consolidamento della professionalità degli operatori. Se alcune biomasse sono tradizionalmente impiegate negli usi comuni, non è detto che il mercato sia trasparente e l’impiego sia corretto, per cui diventa quasi obbligatorio per il consumatore finale diventare quasi «un esperto» di biomasse, per evitare i problemi connessi alla qualità. La standardizzazione dei biocombustibili ad uso non industriale permette all'utente finale di riconoscere facilmente la qualità del prodotto acquistato. La certificazione di terzo livello contribuisce a rendere il mercato più trasparente e gli operatori più qualificati, in una logica di sviluppo del mercato sostenibile, sotto il profilo economico e ambientale, inclusa la qualità dell’aria, perché la standardizzazione del biocombustibile è uno dei parametri fondamentali per garantire le prestazioni di rendimento ed emissione dichiarate dai costruttori dei generatori e attese dagli utenti finali.
I Destinatari sono imprese agro-forestali, produttori e distributori di biomasse e loro forme di aggregazione, liberi professionisti, istituzioni coinvolte nelle politiche forestali e ambientali, utilizzatori finali.

PROGRAMMA

Moderatore: AIEL

I principi del sistema di certificazione BIOMASSPLUS: l’importanza di garantire qualità e sostenibilità ambientale nell’utilizzo di biocombustibili legnosi certificati
Massimo Negrin – AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali)

Requisiti per la produzione e distribuzione di biocombustibili legnosi certificati: come devono organizzarsi le imprese
Stefano d’Andrea e Andrea Sgarbossa – ENAMA (Ente Nazionale per la Meccanizzazione Agricola)

Impronta ecologica e sostenibilità ambientale nell’uso di biocombustibili legnosi: l’importanza della logistica
Michela Zanetti - Laboratorio Analisi BioCombustibili (Dip. TESAF – Università degli Studi di Padova)

Perché la certificazione dei biocombustibili legnosi aiuta a migliorare la qualità dell’aria
Valter Francescato – AIEL (Associazione Italiana Energie Agroforestali)

Parola alle imprese certificate

Dibattito finale

StampaEmail